Montecatini-Terme, città storica ma sempre al top del benessere

Montecatini TermeMontecatini-Terme è un nome storico del turismo termale italiano. Passano gli anni, cambiano i gusti, ma Montecatini resta una delle destinazioni preferite da chi desidera una vacanza di benessere. Lo pensano, è evidente, anche gli utenti di PaesiOnLine che hanno assegnato al comune di Montecatini-Terme il premio “Top Rated” nella categoria “Terme e Benessere”. Si tratta di un riconoscimento importante, che premia il comune e ne valorizza l’attrattiva turistica.

Ne abbiamo parlato con Giuseppe Bellandi, sindaco di Montecatini Terme, e abbiamo provato a capire cosa c’è alla base di questo successo.

Le località Top Rated vengono nominate dai viaggiatori sulla base di esperienza positive vissute presso una determinata località. Che valore assume per Montecatini Terme un riconoscimento che potremmo definire social come questo?

Il riconoscimento gratifica il nostro Comune e tutti coloro che si adoperano da sempre con impegno per offrire la migliore accoglienza possibile agli ospiti e promuovere l’immagine della nostra splendida città. Il fatto che sia un riconoscimento “social” ci conforta ulteriormente sulla validità delle scelte che sono state fatte e che quindi a maggior ragione sono in linea con i tempi.

Cosa crede abbia contribuito alla vostra “buona reputazione”? Cosa offre la vostra città che le altre non hanno?

Montecatini Terme come dice il nome è la città del benessere collegato alle cure termali, alle molteplici possibilità di remise en form. Siamo circondati dal verde del nostro parco termale, delle nostre colline, che ci garantiscono un’ottima qualità di vita. Siamo a un passo dalle maggiori città d’arte della Toscana, come Firenze, Lucca, Siena e anche dal mare della Versilia. Tutto ciò ci permette di offrire ai nostri turisti un soggiorno piacevole e rigenerante all’insegna del wellness, del buon mangiare e del saper vivere al meglio la vita.

Come contribuiscono, invece, gli enti turistici? Quali sono le strategie adottate per incentivare e incrementare il turismo?

Le strategie sono quelle legate alla valorizzazione delle caratteristiche migliori che offrono città e territorio: si va dai percorsi naturalistici da fare a piedi o in bici, alla nostra cura idropinica, alle piscine termali, che nel complesso consentono ai turisti una vacanza attiva e non da semplici “spettatori”.

In più come sindaco di Montecatini sono anche presidente dell’EHTTA (associazione europea delle città storiche termali, tra cui Baden Baden, Vichy, Spa) che ha ottenuto il riconoscimento di itinerario culturale europeo dal Consiglio d’Europa. Un aspetto di grande prestigio che ci dà ancora più risalto. Senza dimenticare che siamo candidati ufficialmente a diventare sito di interesse mondiale dell’Unesco con le nostre Terme.

Turismo sembra essere legato indissolubilmente al mondo del web, sia per ciò che riguarda le prenotazioni, sia per la scelta della destinazione e delle attrattive da visitare. Come sfruttate le potenzialità offerte dalla rete?

Il web ci offre visibilità e possibilità di rafforzare la nostra immagine anche oltre i confini nazionali; penso ai molti turisti tedeschi, agli statunitensi, ai russi, ai belgi. Dallo scorso anno abbiamo creato una serie di percorsi cittadini dedicati (linea rossa, linea blu, linea gialla): di fatto è una guida interattiva, alla quale è possibile accedere tramite un’App scaricabile su smartphone e tablet che consente di conoscere in tempo reale gli scorci migliori e più significativi di Montecatini e gli eventi. Una guida in sette lingue che crea quella che a noi piace chiamare la nostra Metropolitana Culturale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Levico Terme, una vacanza in Trentino all’insegna del benessere

Levico Terme Top RatedLevico Terme, in provincia di Trento, è una delle destinazioni più desiderate da chi sogna una vacanza “a tutto relax”. Qui, infatti, la pace e la tranquillità che caratterizzano questa regione si uniscono alle acque termali e rendono Levico Terme una località davvero unica. Non è un caso, quindi, che gli utenti di PaesiOnLine abbiano deciso di premiare Levico Terme con la targa “Top Rated” nella categoria “Terme e Benessere”!

Ne abbiamo parlato con Andrea Galvan, responsabile del sito visit-levico.it, costituito e promosso in sinergia da albergatori, commercianti e istituzioni per la promozione di Levico Terme.

Le località Top Rated vengono nominate dai viaggiatori sulla base di esperienza positive vissute presso una determinata località. Che valore assume per Levico Terme un riconoscimento che potremmo definire social come questo?

Sicuramente è un riconoscimento molto importate, raggiunto grazie alla sinergia che si è creata tra l’Azienda di Promozione turistica, gli albergatori, i commercianti, l’istituto di credito di Levico la comunità intera.

Cosa crede abbia contribuito alla vostra “buona reputazione”? Cosa offre la vostra città che le altre non hanno?

Levico si trova in una posizione strategica: da dove si possono raggiungere le Dolomiti in pochissimo tempo. E’ il paradiso del trekking, del relax, e della bici, con una ciclabile che arriva fino a Bassano con il ritorno in treno, con delle valli uniche e dei laghi che sembrano dei fiordi norvegesi. Il nostro grande miracolo è l’acqua Termale: un’acqua particolare e “magica”: unicha in Italia e rara in Europa, che sicuramente richiamano un buon numero di turisti per il benessere. Il Lago di Levico, che ha già ricevuto per il secondo anno consecutivo il riconoscimento internazionale “Bandiera Blu” si rivela come un ottimo appeal. Altro punto forte è la montagna: in 20 minuti di auto si raggiungono quote interessanti: 1.500 metri, da cui poi si può partire per escursioni. Le gite variano molto in difficoltà: alcuni percorsi sono proponibili anche a famiglie con bambini, e via via crescendo si possono fare escursioni da professionisti.

Come contribuiscono, invece, gli enti turistici? Quali sono le strategie adottate per incentivare e incrementare il turismo?

Come accennavo prima, l’azienda di Promozione Turistica ricopre un ruolo cruciale sia per quanto riguarda la promozione e il marketing di della Valsugana sia per l’organizzazione di gite, eventi e manifestazioni! Non per ultimo il portale visit-levico.it: costituito e proposto, gestito e organizzato in sinergia da albergatori, commerciati, Cassa Rurale di Levico e APT Valsugana per la promozione esclusivamente di Levico Terme.

Turismo sembra essere legato indissolubilmente al mondo del web, sia per ciò che riguarda le prenotazioni, sia per la scelta della destinazione e delle attrattive da visitare. Come sfruttate le potenzialità offerte dalla rete?

Bisogna essere competitivi, e non mi riferisco alle tariffe proposte, quanto alla promozione della località in primis e in secondo luogo della regione. Le caratteristiche elencate prima ci rendono unici e per questo richiesti da tutti i mercati, anche internazionali. L’Italia è uno dei paesi più ricchi al mondo per quanto riguarda il patrimonio artistico – culturale e le bellezze paesaggistiche, ciò nonostante il turismo sembra essere in calo. Quali crede siano le politiche da adottare a livello nazionale?

Credo in primo luogo che dovremmo essere noi italiani i primi ad interessarci alla nostra storia, alla nostra arte e alla nostra cultura. Credo che manchi in Italia un po’ di amor patrio. Siamo esterofili, non apprezziamo quello che abbiamo a due passi da casa, cerchiamo di raggiungere mete di massa, lontanissime, esotiche e non conosciamo affatto le bellezze uniche ed eccezionali che abbiamo in Italia. Quindi il mio monito si rivolge agli italiani. Solo così si riuscirà a coinvolgere anche la classe politica, che dovrà fare la sua parte.

In secondo luogo altre località risultano essere più competitive per via dei prezzi: basti pensare a località sul Mar Rosso, per esempio, dove non solo la forza-lavoro ha dei costi irrisori. Dover però, nessuno ci pensa, le persone sono rinchiuse in prigioni d’orate privandole della loro libertà: tutto è organizzato, dall’aereo al transfer in pullman, al villaggio; dove tutto sembra brillante e scintillante ma molte volte priva di tipicità. La nostra concorrenza principale, purtroppo, è costituita dai villaggi turistici low-cost, in cui le vacanze sono costruite ad hoc, ma in modo falso e superficiale: un falso e nemmeno d’autore.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Chianciano Terme: benessere, relax e divertimento al top

Chianciano TermeTra le località che possono fregiarsi del “distintivo” di Top Rated nella categoria “Terme e Benessere” non può mancare Chianciano Terme, uno dei più importanti centri toscani per gli amanti delle vacanze termali. Il comune in provincia di Siena si trova inoltre in una posizione privilegiata per un tour alla scoperta delle zone più belle della regione. Sono tanti insomma i motivi che rendono Chianciano Terme una delle destinazioni più gettonate tra gli utenti di PaesiOnLine e che hanno portato all’assegnazione del premio.

Abbiamo fatto una chiacchierata con Andrea Marchetti, sindaco di Chianciano Terme, per provare a scoprire i segreti di questo successo.

Le località Top Rated vengono nominate dai viaggiatori sulla base di esperienza positive vissute presso una determinata località. Che valore assume per Chianciano Terme un riconoscimento che potremmo definire social come questo?

Un valore molto importante, in un contesto economico caratterizzato dall’utilizzo sempre più frequente di tablet e smartphone per acquisire informazioni e servizi. Esiste un mondo di opinioni online che ci influenzano positivamente o in senso negativo. Avere un’ottima reputazione online è dunque vitale per città a vocazione turistica come la nostra.

Cosa crede abbia contribuito alla vostra “buona reputazione”? Cosa offre la vostra città che le altre non hanno?

Chianciano Terme è uno dei più importanti centri termali a livello europeo che si distingue per le sue acque minerali curative, benefiche per la cura del fegato e dell’apparato gastroenterico,  e per il suo ambiente immerso nella natura più incontaminata. Per questo si caratterizza come punto strategico per il turismo del benessere, attratto anche dalla bellezza dei nostri stabilimenti termali, come le terme Sensoriali e il nuovo Theia, il Bagno degli etruschi.

Come contribuiscono, invece, gli enti che si occupano del turismo? Quali sono le strategie adottate per incentivare e incrementare il turismo?

Attraverso progetti del territorio ormai consolidati nel tempo.

Turismo sembra essere legato indissolubilmente al mondo del web, sia per ciò che riguarda le prenotazioni, sia per la scelta della destinazione e delle attrattive da visitare. Come sfruttate le potenzialità offerte dalla rete?

L’utente che naviga preferisce utilizzare la rete per scegliere e pianificare i suoi viaggi. Testimoni di questo successo sono le agenzie on-line, i portali di viaggio, ma anche i blog. Questo fenomeno cha profondamente modificato le strategie di marketing e di comunicazione, che si spostano sempre più nel web. Occorre quindi disciplinare meglio il caotico mondo del web, dove si ha un’esplosione incontrollata di informazioni.

L’Italia è uno dei paesi più ricchi al mondo per quanto riguarda il patrimonio artistico – culturale e le bellezze paesaggistiche, ciò nonostante il turismo sembra essere in calo. Quali crede siano le politiche da adottare a livello nazionale?

Occorre a mio avviso attuare una politica per il turismo di livello nazionale; non basta più che ad occuparsi di questo settore siano solo regioni ed enti locali. Occorre la programmazione e attuazione di un grande “progetto Paese” per il turismo, necessaria per poter essere visibili dai grandi mercati turistici emergenti. Un progetto che sappia al meglio comunicare tutto ciò che ci contraddistingue in positivo: cultura, creatività, moda, enogastronomia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Acqui Terme: il Benessere al Top!

Acqui TermeCi sono posti che riescono a regalare delle belle sorprese. È il caso di Acqui Terme, comune in provincia di Alessandria, che si è piazzato tra le migliori destinazioni in Italia nella categoria “Terme e Benessere”. Il riconoscimento è stato assegnato dagli utenti di PaesiOnLine che hanno conosciuto e riconosciuto le importanti qualità del comune piemontese.

Un traguardo importante, del quale abbiamo parlato con Lino Malfatto, il Presidente della Pro Loco di Acqui Terme

Le località Top Rated vengono nominate dai viaggiatori sulla base di esperienza positive vissute presso una determinata località. Che valore assume per Acqui Terme un riconoscimento che potremmo definire social come questo?

Il riconoscimento ricevuto assume importanza per Acqui Terme, i giudizi positivi dei turisti ospiti della nostra città confermano Acqui come centro termale, artistico e culturale tra i più visitati e importanti del Piemonte, di stimolo e crescita per una migliore offerta turistica soprattutto in un momento di crisi economica come quello attuale.

Cosa crede abbia contribuito alla vostra “buona reputazione”? Cosa offre la vostra città che le altre non hanno?

La nostra città è unica per avere l’acqua calda “La Bollente”, fonte da cui sgorga acqua a 75 gradi, apprezzate per le cure termali (fango terapia, cure inalatorie ecc.). Con l’apertura del Lago delle sorgente Terme Spa si è dato importanza  al benessere e alla cura del proprio corpo. Dal punto di vista artistico e culturale sono da visitare la Cattedrale, “il Duomo di Acqui”, fondata nel 989, gli Archi Romani, il Castello dei Paleologi, con il museo archeologico. Notevole importanza assume il settore dell’Enogastronomia con due importanti vini DOGC che portano il nome di Acqui: il Bracchetto d’Acqui e il Dolcetto d’Acqui. Acqui ha una notevole presenza di alberghi, locali pubblici, ristoranti, locali pubblici…

Come contribuiscono, invece, gli enti che si occupano del turismo? Quali sono le strategie adottate per incentivare e incrementare il turismo?

Comune, Assessorato al Turismo e Terme spa sono enti di riferimento per la gestione e attività turistica. Importanza assume anche l’Ufficio Informazione Turistica IAT, per il contatto quotidiano con turisti. La Pro Loco di Acqui Terme ha nella generosità dei suoi soci il suo punto di forza. Tra le tante manifestazione ideate quelle di maggior riscontro sono La Festa della Feste – attrazione per oltre 50 mila persone, che comprende Il Palio del Brentau e lo Show del Vino e riunisce ad Acqui Terme le migliore Pro Loco della zona e la realizzazione annuale dell’Esposizione Internazionale del presepio.

Turismo sembra essere legato indissolubilmente al mondo del web, sia per ciò che riguarda le prenotazioni, sia per la scelta della destinazione e delle attrattive da visitare. Come sfruttate le potenzialità offerte dalla rete?

La Pro Loco di Acqui Terme è presente sulla rete grazie al sito web (www.prolocoacquiterme.it), nel quale è possibile trovare tutte le informazioni sulle nostre manifestazioni.

L’Italia è uno dei paesi più ricchi al mondo per quanto riguarda il patrimonio artistico – culturale e le bellezze paesaggistiche, ciò nonostante il turismo sembra essere in calo. Quali crede siano le politiche da adottare a livello nazionale?

Assume importanza valorizzare i nostri beni artistici e culturali, investendo di più sul turismo e dando maggiori fondi per restaurare le bellezze locali. La Pro Loco ha all’attivo la realizzazione di tre DVD, nei quali fa conoscere pittori importanti locali, che hanno dipinto, e affrescato la maggior parte delle nostre chiese. In particolare è stato realizzato uno su “Pietro Ivaldi detto Il Muto”, e un altro “Il Monevi”, artisti del seicento. In ultimo è stato realizzato un DVD sul Duomo di Acqui Terme: “Parole di Pietra, I marmi del Duomo di Acqui Terme”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: