Volterra: storia e cultura in un borgo al Top!

Volterra Top RatedChi non conosce Volterra? Chiunque ami i tipici paesaggi medievali che caratterizzano buon parte del centro Italia non può fare altro che rimanere affascinato da Volterra e dalla sua offerta storica e culturale. Non è un caso, quindi, che questo comune toscano in provincia di Pisa si sia aggiudicato il riconoscimento “Top Rated” nella categoria “Borghi”, assegnato dagli utenti di PaesiOnLine con i voti e i giudizi rilasciati sul sito.

Abbiamo chiesto un commento al riguardo a Roberta Vichi, del Consorzio Turistico Volterra Valdidecina.

Le località Top Rated vengono nominate dai viaggiatori sulla base di esperienze positive vissute presso una determinata località. Che valore assume per Volterra un riconoscimento che potremmo definire social come questo?

Si tratta di un riconoscimento di grande importanza, la tendenza attuale per la scelta di una destinazione è sempre più basata sul giudizio, le opinioni, le suggestioni dei viaggiatori che hanno già vissuto un’esperienza simile.

Cosa crede abbia contribuito alla vostra “buona reputazione”? Cosa offre la vostra città che le altre non hanno?

L’accoglienza, i servizi, l’immenso patrimonio artistico e culturale dagli Etruschi al Manierismo. L’atmosfera di una città autentica, vissuta dai propri abitanti e con un’alta qualità della vita.

Come contribuiscono, invece, gli enti che si occupano del turismo? Quali sono le strategie adottate per incentivare e incrementare il turismo?

Offrendo un qualificato servizio di informazioni e prenotazioni grazie al ventennale impegno del Consorzio Turistico Volterra Valdicecina che gestisce l’Ufficio Turistico Comunale e si occupa altresì dell’organizzazione di eventi (quali Volterra AD1398), visite guidate ed escursioni. Il Consorzio Turistico è inoltre attivo nella promozione turistica a livello nazionale e internazionale di Volterra e del territorio. Tutto questo è possibile per mezzo di una costante formazione degli operatori turistici, di un’offerta che non perde mai le caratteristiche di autenticità e trasparenza, dell’alta qualità di una enogastronomia basata sulla filiera corta.

Il turismo sembra essere legato indissolubilmente al mondo del web, sia per ciò che riguarda le prenotazioni, sia per la scelta della destinazione e delle attrattive da visitare. Come sfruttate le potenzialità offerte dalla rete?

Attraverso un portale che offre al visitatore la possibilità di trovare velocemente informazioni esaustive per soddisfare tre diverse esigenze riassumibili nello slogan Vieni, Rimani, Vivi e mediante la gestione dei principali social network che fungono da vetrina (aggiornata quasi in tempo reale) per la promozione della città, delle iniziative e delle attività locali.

L’Italia è uno dei paesi più ricchi al mondo per quanto riguarda il patrimonio artistico – culturale e le bellezze paesaggistiche, ciò nonostante il turismo sembra essere in calo. Quali crede siano le politiche da adottare a livello nazionale?

Vi do alcuni punti, secondo me fondamentali. Più attenzione alla viabilità e ai collegamenti. Un più equo rapporto qualità/prezzo in relazione ai diversi livelli di qualità del prodotto, dove la qualità sia comunque alla base di ogni politica turistica. Ottimizzare la gestione dei musei e delle risorse culturali e artistiche (orari apertura, musei interattivi, personale qualificato). Valorizzazione dei prodotti enogastronomici a km 0.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: