Treni alpini, l’avventura viaggia su rotaia

Non chiamatelo semplicemente treno. Viaggiando a bordo della Matterhorn Gottard Bahn ci si accorge subito che è qualcosa di più di una ferrovia e che sfugge decisamente alla definizione di trasporto. Con un percorso complessivo che si snoda su 144 chilometri da Zermatt a Disentis e da Andermatt a Göschenen, superando un dislivello di circa 3300 metri, 33 tunnel e 126 ponti, il “treno dell’avventura” ha infatti tutti i numeri di un’esperienza unica che arriva dritta al cuore delle Alpi. Inaugurata nel 1926 la ferrovia ha aperto al turismo le regioni montane del Vallese, Uri e Grigioni ed ha saputo rinnovarsi nel tempo per offrire oggi ai visitatori un’esperienza autentica senza rinunciare al comfort e alla funzionalità della migliore tradizione svizzera. Le affascinanti carrozze glamour degli anni ’20 sono state rimpiazzate da vagoni spaziosi e dal design moderno, ma l’emozione di guardare le alpi scorrere attraverso i finestrini è rimasta la stessa. E in effetti il paesaggio incorniciato dalle ampie vetrate panoramiche del treno è in sé una delle più suggestive cartoline alpine: ghiacciai maestosi (in Vallese si trovano i primi tre d’Europa per ordine di grandezza), lingue di ghiaccio che solcano le pareti spingendosi fino a valle, gole vertiginose alternate a placidi laghi in quota.

Se poi il viaggio fino a Zermatt non ha esaurito la vostra voglia di avventura potete sempre salire sulla Ferrovia a cremagliera del Gornergrat per arrampicarvi all’ombra del Cervino con pendenze che sfiorano il 200%  fino a 3089 metri.  Una volta lì non resta che perdersi con lo sguardo sulla vista impareggiabile di ben 29 cime da 4000, magari scegliendo di soggiornare presso il Kulm Gornergrat, l’albergo più ad alta quota d’Europa, oppure approfittando delle infinite possibilità di trekking, escursionismo o biking nella zona. Nella stagione invernale la Ferrovia del Gornergrat viene utilizzata anche per sposarsi all’interno del comprensorio sciistico di Zermatt, vero e proprio paradiso per sciatori, freestylers e bambini.  Le stazioni intermedie sono infatti direttamente collegate alle discese, al parco del freeriding, alle piste per i più piccoli ed ai percorsi escursionistici, oltre che all’imperdibile Villaggio Igloo di Rotenboden (2819 m), dove rilassarsi davanti a una fondue, ascoltare musica o provare l’esperienza unica di dormire una notte in una stanza di ghiaccio sotto il cielo stellato del Cervino.

Info utili

La soluzione più conveniente per viaggiare con il trasporto pubblico in Svizzera è acquistare uno Swiss Pass, un biglietto unico che vi permette di usufruire di un numero illimitato di corse su tutta la rete dello Swiss Travel System (ferrovie, autobus, battelli), per una durata  a scelta di 4, 8, 15, 22 giorni oppure di un mese, ed un costo a  partire da CHF 266.00. Sono inclusi anche i mezzi pubblici di 37 città, una riduzione del 50% sulla maggior parte delle ferrovie di montagna, funivie e l’ingresso gratuito in quasi tutti i musei. Info http://www.swiss-pass.ch/it/swiss-pass.

Questo slideshow richiede JavaScript.

2 Responses to Treni alpini, l’avventura viaggia su rotaia

  1. rita says:

    mi piace un sacco

    • eliseo says:

      La Svizzera per turismo ecologico è sempre al primo posto e poi ha delle vette uniche ……..ma anche da noi ci sono treni “ecologia” come la Ferrovia Turistica della Val D’Orcia (treni a vapore e a diesel ) con carrozze di III classe e………… apprezziamo la Svizzera ma anche la nostra Italia grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: